Decidere le grandi opere

nimby

Foto di ekai su flickr

Secondo i risultati della sesta edizione del Nimby forum, sono attualmente 320 in Italia le infrastrutture e gli impianti oggetto di contestazioni, legate alle tematiche più disparate (smaltimento dei rifiuti, produzione di energia, infrastrutture stradali e ferroviarie). Nel nostro Paese sembra ormai quasi inevitabile che la costruzione di grandi opere, che generano benefici diffusi ma ne addossano costi e rischi su specifiche comunità, sia destinata a incontrare l’opposizione delle popolazioni residenti nel territorio.

La protesta che ne scaturisce, anche se non sempre è in grado di bloccare il progetto, è spesso capace di rallentarlo e, comunque, di mobilitare un profondo dissenso.

Il risultato è stato definito “tirannia dello status quo”: l’incapacità di trovare una soluzione condivisa conduce alla paralisi e al permanere della situazione attuale, che spesso, paradossalmente, non è desiderata da nessuno.
In questi casi si sente spesso parlare di “Sindrome NIMBY”, acronimo che significa Not In My Back Yard, letteralmente non nel mio cortile, per indicare l’atteggiamento sostanzialmente egoista di chi si oppone alla realizzazione dell’opera sul proprio territorio.

A ben guardare però, il NIMBY (almeno in alcuni casi) è qualcosa di più di una semplice posizione opportunistica adottata da chi non vuole sopportare gli inevitabili “fastidi” legati alla realizzazione del progetto.
Il NIMBY infatti, agganciandosi alle istanze ambientaliste, è in grado di uscire da logiche strettamente locali ed elaborare critiche di portata più generale, trasformandosi in NIABY (Not In Anyone’s  Back Yard, “non nel cortile di nessuno”), in BANANA (Build Absolutely Nothing Anywhere Near Anything, “non costruire assolutamente nulla in nessun luogo vicino a qualunque cosa”), sino ad arrivare al NOPE (Nowhere On Planet Earth, “non sul pianeta terra”).
Spesso il problema non sta soltanto nel dove o nel come realizzare queste opere, ma soprattutto nel perché farlo. In questo senso, la Sindrome Nimby si pone quasi come espressione di una nuova etica, che mette in dubbio la sostenibilità di modelli economici, di consumo e di sviluppo finora considerati inevitabili. L’opposizione alle grandi opere sarebbe dunque il sintomo di un disagio che nasce dal mancato confronto nei processi decisionali e da una sempre crescente sensazione di impotenza, e si collega alla crisi di rappresentanza dei soggetti politici e delle logiche tradizionali di gestione dei conflitti.

La soluzione tradizionale a questo genere di opposizioni, cioè la scelta di riconoscere una sorta di risarcimento, sotto forma di “compensazioni”, alla comunità che ospiterà l’impianto, fino ad oggi si è rivelata inefficace. Le compensazioni sono indubbiamente necessarie, ma  non possono essere l’unico fattore di legittimazione del sacrificio sopportato dalla comunità che ospiterà l’impianto o l’infrastruttura: dovrebbero piuttosto costituire una parte di un percorso decisionale molto più ampio e trasparente.
Come sottolineato da alcuni studiosi, il principio a cui ispirarsi potrebbe essere: nessun impatto senza rappresentanza. Una soluzione potrebbe dunque emergere solo da un confronto tra tutti gli interessi coinvolti, all’interno di un processo decisionale che coinvolga istituzioni, esperti, stakeholder e cittadini. Chi è chiamato a sopportare i costi di un intervento, infatti, non ha solo il diritto di essere informato, ma anche e soprattutto quello di essere ascoltato e di esprimere il proprio punto di vista.

Un processo decisionale realmente inclusivo potrebbe rappresentare, da un lato, un valido strumento attraverso cui prevenire conflitti e opposizioni; dall’altro, consentirebbe quantomeno di difendere più efficacemente la decisione pubblica, in quanto emersa da un dialogo con la comunità e non da una scelta unilaterale dell’autorità politica.

Infine, il fatto che il dibattito si sviluppi su temi caldi e particolarmente sentiti dalla società, può contribuire alla costruzione di un percorso completo e strutturato, a cui i cittadini prendano parte attivamente: le decisioni emerse saranno probabilmente più eque, più stabili e più facili da attuare.
In conclusione, alcune possibili soluzioni al problema dei conflitti locali esistono e sono da tempo prospettate da accademici e studiosi. Forse è venuto il momento di smettere di decidere nel chiuso delle stanze degli esperti e mettere il naso fuori, almeno per vedere che aria tira.

Bibliografia e sitografia:

Gruppi di ricerca territorio

elenchi

Questa pagina intende raccogliere un elenco di tutti i collettivi il cui lavoro viene ritenuto assolutamente importante e fonte di riflessioni. Intendo iniziare con quei gruppi TransDisciplinari che si muovono al confine di differenti discipline: architettura, sociologia, arte, comunicazione e tecnologie della rete.

Produzione

Archinect

http://www.archinect.com

Mission: The goal of Archinect is to make architecture more connected and open-minded, and bring together designers from around the world to introduce new ideas from all disciplines.

A+H

http://km2.net/aplush (FR | arte | architettura | installazioni | allestimenti)

A+H si definiscono un “laboratorio culturale” conducono ricerche sulle nuove tecnologie legate al territorio. Hanno realizzato molti progetti tra cui allestimenti museali, installazioni, lavori artistici.

socialfiction.org

http://socialfiction.org (?? | arte | attivismo | sociologia )

Socialfiction.org is a long-term research project that seeks to develop speculative knowledge that subverts ordinary ways to employ, experience and measure space, time and language.

The day to day reality of socialfiction.org is filled with projects. For most of them we encourage participation by persons known and unknown. Some of our projects are like whales, most are like plankton: the small ones feed the large ones.

Progetti interessanti:

Lab AU

http://www.lab-au.com (BE)

LAB a + u definition: LABoratory for architecture and urbanism. LAB a+u establish a research on architecture and urbanism, in work processes as well as in the project itself, in relation to the concepts of information, space and perception and the fields of sociology, philosophy and economy.

Stalker

http://digilander.libero.it/stalkerlab (IT | architettura | sociologia | urbanistica | studio del territorio)

“La zona è forse un sistema molto complesso di insidie… non so cosa succede qui in assenza dell’uomo, ma non appena arriva qualcuno tutto comincia a muoversi… la zona in ogni momento è proprio come l’abbiamo creata noi, come il nostro stato d’animo… ma quello che succede, non dipende dalla zona, dipende da noi.” (Stalker di A. Tarkovskij, 1979)

Sciatto produzione

http://www.ecn.org/sciattoproduzie

s p a c e is fundamental in any form of communal life; s p a c e is fundamental in any exercise of power . (Michel Foucault; Space, Knowledge and power, 1984.)

aether architecture

http://www.aether.hu

Design and research collaborative focusing on architecture, digital media, interaction design and related academic teaching. Work is produced on various platforms, in different collaborations.

Organizzazione

Enough Room for Space (ERFOTS)

http://www.enoughroomforspace.org

Enough Room for Space (ERFOTS) is a non-profit organization founded in 2005 by Maarten Vanden Eynde and Marjolijn Dijkman. The aim of ERFORS is to create a mobile platform for site-specific projects. The nature of each project is outlined by its location, with its own number of participants, length, and predetermined concept. Sometimes this involves working with a curator or local artists.

TRANSCULTURES

http://www.transcultures.net

TRANSCULTURES is a non-profit association founded in 1996 in Brussels by independent art critics and culturally committed viewers to promote and develop exchanges between different cultures and within the various contemporary arts. Since 1998, Transcultures focuses specifically on the various relationships between art/society/new technologies throughout an in-progress process of investigation of new forms of expression.

Transcultures ha organizzato un importante festival in Brussels http://www.citysonics.be tutto incentrato sul tema dei suoni. L`ultima versione e` dell`estate 2005.

Istituzionali

i-dat

http://www.i-dat.org

“I intend to incorporate with one department of my labours a complete reduction to a system, of the principles and methods of ‘discovery'” (Ada Lovelace, 1844)

  • i-~DAT is a creative playground for trans-disciplinary practice in digital art and technology.
  • It focuses on the transformation of data and the social implications of emergent cultural production.
  • i-~DAT aims to define and establish new fields of practice and critical discourse through the creative and innovative use of: digital architecture, ubiquitous computing, software art, networking, publishing/casting and other informational technologies.
  • i-~DAT integrates teaching, research and enterprise, as well as other creative output to disseminate its activities to its community and wider public.

netzspannung

http://netzspannung.org

netzspannung.org is an Internet platform for artistic production, media projects, and intermedia research. As an interface between media art, media technology and society, it functions as an information pool for artists, designers, computer scientists and cultural scientists.

Turbulence

http://www.turbulence.org

Turbulence is a project of New Radio and Performing Arts, Inc. (NRPA), a not-for-profit 501(c)(3) organization that has as its core mission the commissioning of networked art by emerging and established artists. Since 1996 we have commissioned, exhibited and archived over 90 original works for Turbulence, and helped launch the careers of numerous artists.

Coppula Tisa

Coppula tisa: una sfida a tutti noi.

coppula_tisa

L’Italia è piena di case, costruite ovunque, anche dove ragioni di sicurezza non lo consentirebbero, in vicinanza di fiumi o a ridosso delle montagne, e la maggior parte di queste costruzioni degradano il paesaggio perché sono particolarmente brutte. In nome della Bellezza, “l’unico vero collante del nostro paese” , nasce Coppula tisa. Coppula tisa è un comitato di cittadini, nato qualche mese fa, che ha come fine la tutela del paesaggio. Da Depressa, un piccolo paese, sconosciuto ai più, salentini inclusi, partirà la Rivoluzione della Bellezza. Tra i fondatori, il cittadino più illustre di Depressa, Edoardo Winspeare, che racconta i successi ottenuti dall’associazione, duemila adesioni al progetto e centocinquanta contatti via e-mail al giorno, e le difficoltà incontrate, soprattutto causate dalla diffidenza dei suoi concittadini, che spesso lo prendono per un tipo stravagante. Sarebbe riduttivo classificare Coppula tisa come una semplice associazione ambientalista; più che altro Coppula tisa vuole promuovere, oltre alla Bellezza, la specificità culturale, intesa come rispetto della cultura locale da qualsiasi punto di vista, ad esempio propone la piantumazione di arbusti culturalmente accettati.. Tra le azioni che propone vi è l’acquisto di aree, ritenute interessanti, in modo da preservarle dalla speculazione edilizia. Per reperire i fondi necessari, Coppula tisa si rivolge alla generosità di semplici cittadini che, con l’associazione, condividono i medesimi valori. La prima di questo tipo di azioni, ha portato all’acquisto di un edificio, che verrà demolito in estate, durante lo svolgimento di una festa. Oltre a questo tipo di azioni, Coppula tisa svolge un’importante opera di sensibilizzazione, tramite internet, spot, opuscoli, convegni e coinvolgendo i bambini delle scuole. Il Salento, da un po’ di tempo, è divenuto una delle mete turistiche più ambite d’Italia. di fronte a questo fenomeno, Coppula tisa può svolgere un’importante funzione di sentinella di fronte ad operazioni edili alquanto disinvolte, come la costruzione di villaggi turistici all’interno di aree importanti dal punto di vista naturale. Il Salento non è così intaccato dalle costruzioni così come il resto d’Italia, tant’é che ai centri abitati, i più grandi contano al massimo 20/25 mila abitanti, si alternano campagne, dove è possibile osservare caratteristiche costruzioni, come le masserie e le pagliare, assieme alle piante di olivo e alle viti, nella coltivazione caratteristica ad alberello. A livello nazionale, vanta due primati, discordanti tra di loro, che bene illustrano la realtà salentina. Da una parte, la città di Porto Cesareo presenta il più alto numero di costruzioni abusive all’interno del proprio territorio; d’altra parte una città come Otranto, le cui amministrazioni civiche hanno fatto della lotta all’abusivismo e della tutela del territorio una priorità talmente sentita che la cittadina guida le classifiche di Legambiente sulle località marine. Ma la Rivoluzione della Bellezza non si rivolge solo al territorio salentino ma all’Italia intera. A quell’Italia che ha visto e vede crescere in modo vertiginoso le aree edificate, spesso veri e propri ecomostri, incoraggiate dalla mancanza di controlli e da un uso latinoamericano del condono edilizio. Il territorio italiano è a rischio idrogeologico perché si è costruito in spregio alla natura e, di conseguenza, agli interessi della comunità. Coppula tisa, seppur con i suoi aspetti utopistici e alcune affermazioni in stile new-age, rappresenta una sensibilità nuova che piano piano va affermandosi, lanciando una sfida innanzi tutto a noi stessi. Vuole invertire la tendenza a costruire ovunque e male e per farlo chiede il nostro sostegno: sta a noi accettare la sfida e contribuire al suo successo, innanzitutto visitando il suo sito web e soprattutto sostenendola economicamente.

p.s. per i rapporti tra politica ed edilizia, consiglio a tutti la visione del film Le mani sulla città (1963) di Francesco Rosi, leone d’oro a Venezia

su internet: http://www.coppulatisa.it

Di seguito, una breve filmografia per chi volesse conoscere l’opera di Edoardo Winspeare.

  • Pizzicata (Italia/ Germania 1995, col, 105’ ) : ambientato nel Salento del 1943, è il film d’esordio di Winspeare, apprezzato più all’estero che in Italia. Interessante ricostruzione, dal punto di vista antropologico, del fenomeno del tarantismo, a cui il titolo allude;
  • Sangue vivo (Italia 2000, col, 95’) : la morte del padre, ha allontanato di più due fratelli, uno contrabbandiere e l’altro eroinomane, entrambi suonatori di tamburello. Pregevole interpretazione di Pino Zimba, tra i migliori suonatori di tamburello, primo film italiano premiato al Sundance Festival;
  • Il miracolo (Italia 2003, col, 93’): storia di una sofferta amicizia tra la giovane Cinzia e il dodicenne Tonio, ambientata nella città di taranto. Premio della critica al Festival del cinema di Venezia.

Cerca lavoro negli studi di architettura a Torino

studia che poi apri lo studio ammazza_quanti_siamo questa pagina è molto combattuta…. allora mettiamola così! Se cerchi lavoro puoi contattare questi studi di architettura, grafica e design di Torino puoi aiutarci anche tu ad allungare la lista scrivendoci a associazione@izmo.it elenco in ordine assolutamente casuale:

  1. Concetto Edile s.a.s – http://www.concettoedile.it
  2. Spazio Binario – http://www.spaziobinario.com
  3. C12 – http://www.c12.it
  4. emmevistudio – http://www.emmevistudio.com
  5. adstudio – http://www.adstudio.to.it
  6. Mario Saroldi design – http://www.saroldidesign.com
  7. Capicoia Design – http://www.capicoiadesign.com
  8. yet|matilde – http://yet.matilde.it
  9. Francesco Massarini – http://www.architettomassarini.it
  10. ecoLogicStudio – http://www.ecologicstudio.com
  11. Luca Moretto – http://www.lucamoretto.it
  12. Alberto Pugnale – http://www.albertopugnale.com
  13. Cesare Griffa – http://www.studiogriffa.net
  14. Eurofiere S.p.A. – http://www.eurofiere.it
  15. PAT – http://www.patdesign.it
  16. Picco Architetti – http://www.piccoarchitetti.it
  17. CP Associates – Chiaruttini – Pairone associati – http://www.cpassociates.eu
  18. Studio AS Architetti Associati – http://www.studioas.it
  19. Negozio Blu Architetti Associati – http://www.negoziobluarchitetti.it
  20. BAM – Bottega di Archtettura Metropolitana – http://www.bamstudio.it
  21. Studio Baietto Battiato Bianco Architetti Associati – http://www.baiettobattiatobianco.com
  22. Silvio Cocco – coccosas@tin.iy
  23. Progeco – Studio di Ingegneria Torino – http://www.pro-ge-co.it
  24. D+ Design Studio – http://www.dpustudio.it
  25. b5 art::arch – http://www.bcinque.net
  26. Studio MRA – Massimo Raschiatore Architetto – http://www.massimoraschiatore.it
  27. diecicento – http://www.diecicento.it
  28. Maurizio Zucca – http://www.mauriziozucca.com
  29. eXplosion-LAB – http://www.explosion-lab.it
  30. Angelo Sepielli – http://www.angelosepielli.it
  31. ARCHinTECH – http://www.archintech.it
  32. Dimomedia Lab – http://dimomedia.com
  33. Marco Tarquinio – http://www.marcotarquinio.it
  34. IF Design.net – http://www.ifdesign.net
  35. T-blu – http://www.t-blu.it
  36. F&F Design Studio – http://www.ffstudio.net
  37. Studio Xenos – http://www.xenosreg.it
  38. Officina Quack! – design a colori – http://www.officinaquack.it
  39. boletsfernando – http://www.aiap.it/documenti/11388/
  40. 515 Creative Shop – http://www.515.it
  41. Playzebra Magazine – http://www.playzebra.it
  42. ||||| ZEBRA Cross Media Publishing – http://www.zebra.to.it
  43. Paperkut – http://www.paperkut.net
  44. Kut Comm – http://www.kutcomm.com
  45. wmedia – http://www.wmedia.it
  46. Matilde – http://www.matilde.it
  47. Elyron – http://www.elyron.it
  48. Super Maxi Studio – http://www.supermaxistudio.com
  49. FF.WD Architettura – http://www.ffwd-architettura.it
  50. TM the Sign – http://www.tmthesign.com
  51. ALTREMENTI “fucina contemporanea di giovani creativi” – http://www.fucina-altrementi.it
  52. DESIGN GANG NETWORK – rivoluzione design – http://www.designgang.net
  53. GTP – gruppo thema progetti – http://www.gtp.it
  54. Uda – Ufficio di Architettura – http://www.uda.it
  55. Lapis – http://www.lapisdesign.net
  56. Cliostraat – http://www.cliostraat.com
  57. LSB – http://www.arealsb.it
  58. studio ATA – http://www.studioata.com
  59. Civico 13 – http://www.civico13.it
  60. elastico – http://www.studioelastico.com
  61. Pier Paolo Maggiora – http://www.pierpaolomaggiora.com
  62. Benedetto Camerana + Camerana & Partners – http://www.camerana.com
  63. BRH+ – http://www.brh.it
  64. Bodino – http://www.bodinoengineering.it
  65. Giorgio Rosental – http://www.studiorosental.it
  66. Andrea Bruno – vedi pagine gialle
  67. Studio Testa – http://www.armandotesta.it
  68. OAT Ordine Architetti Torino – http://www.to.archiworld.it
  69. Nucleo Design – http://www.nucleo.to
  70. Adriano Design – http://www.adrianodesign.it
  71. SUPRA Design – http://www.supradesign.it
  72. Massimo Rasero Design – http://www.massimorasero.it
  73. GAC Giovani Architetti del Canavese – http://www.architettigac.org
  74. ONE OFF – http://www.studioone-off.com
  75. X_b Architetti Associati – X_b_@libero.it
  76. Avventura urbana – http://www.avventuraurbana.it
  77. Crotti Massimo – vedi pagine gialle
  78. Ferrero Silvio – vedi pagine gialle
  79. carlorattiassociati – http://www.carloratti.com
  80. BSA Bottega Studio Associati – http://www.bottegastudio.it
  81. esplorativa architetti – http://www.esplorativa.it
  82. Bellissimo – http://www.bellissimo.it
  83. studiodoppio – http://www.studiodoppio.it
  84. virtual graphic – http://www.virtualgraphic.it
  85. studio De Ferrari – http://www.deferrariarchitetti.it
  86. Studio 999 – http://www.studio999.it
  87. Blend – http://www.blendstudio.it
  88. Migma – http://www.migma.it
  89. Archicura – http://www.archicura.it
  90. mGm magmaprogetti – http://www.magmaprogetti.it
  91. adfarm _ adfarmandchicas – http://www.adfarm.it
  92. Studio Rolla – http://www.studiorolla.it
  93. Più Studio – http://www.piustudio.it
  94. Studio Dedalo – http://www.studiodedalo.it
  95. OPD Officina Proto Design – http://www.opd.cc
  96. Archi Elle Studio _ archiellestudio – http://www.archiellestudio.it
  97. Bod’A _ bottegadarchitettura – http://www.boda.it
  98. ddtstudio* – http://www.ddtstudio.it
  99. Turn – la nuova design community di Torino – http://www.turn.to.it
  100. STUDIO ENVIROARCHITECT® – http://www.enviroarchitect.net
  101. diecidecimi – http://www.diecidecimi.tv
  102. bazarq – http://www.bazarq.com
  103. Deside Studio – http://www.desidestudio.com
  104. mialuis – http://mialuis.it
  105. Franz Goria – http://www.franzgoria.com
  106. UAU – comunicazione|architettura|design – http://www.uaueb.it
  107. undesign – http://www.undesign.it
  108. studio Sunday – http://www.sundaygroup.it
  109. TODO |Interaction design| – http://www.todo.to.it
  110. Interaction Design Lab http://www.interactiondesign-lab.com
  111. Andrea Mantello – http://www.andreamantello.com
  112. Armando e Casalegno – alearmando@tiscali.it
  113. AULA studio – http://www.aula-studio.it
  114. Base Architettura – http://www.basestudio.it
  115. dadostudio – http://www.dadostudio.com
  116. E-sperimento – http://www.e-sperimento.com
  117. Federica Patti, Architetto – http://www.federicapatti.it
  118. Laboratoriosette – http://www.laboratoriosette.it
  119. IPE cavalli – http://www.ipe.it
  120. io – http://www.ioadv.it
  121. GDAdesign – http://www.gdadesign.it
  122. Easybit – http://www.easybit.it
  123. MoMu – http://www.8viabotero.net
  124. M A R C Bonino-Mukerjee Arch – http://www.studiomarc.eu
  125. Ronin design – http://www.ronindesign.it
  126. Sanprogetto – http://www.sanprogetto.com
  127. Spaziottantotto – http://www.spazio88.com
  128. skirt – http://www.skirt.it
  129. Studio Ape – http://www.studioape.it
  130. Visual-Eyes – http://www.visual-eyes.it
  131. Testa&Veglia Architetti – http://www.jtav.com
  132. SYP – http://www.syp.it
  133. Studio Doppio – http://www.studiodoppio.it
  134. Studio Giorgio Domenino – http://www.studiogiorgiodomenino.it
  135. Officina Zero Sei – http://www.officinazerosei.it
  136. tracciaTO – http://www.tracciato.it
  137. Studio LL.TT. – http://www.studiolltt.it
  138. Artecna – http://www.artecna.com
  139. Independent Ideas – http://inideas.it
  140. Demetra comunicazione in architettura – http://www.demetraweb.it
  141. MDN Marco Visconti & Partners – http://www.mdnpartners.it
  142. SdA progetto – http://www.sdaprogetto.it
  143. EatAppleDesign – http://www.eatappledesign.com
  144. Officinemultiplo – http://www.officinemultiplo.com
  145. Studio Comoglio Architetti – http://www.comoglioarchitetti.it
  146. tra – http://tra.to.it
  147. MGA4tudio – http://www.mga4studio.com
  148. Studio Granma Architetti Associati – http://www.studiogranma.it
  149. Giaquinto Architetti Associati – http://www.gaa.it
  150. Reinaud Architetto Alberto – http://www.architettotorino.net
  151. QBO Architetti Associati – http://www.qboarchitetti.com
  152. Stilò Architetti – http://www.stiloarchitetti.it
  153. MNA – http://www.mnastudio.it
  154. Studio C&C – http://www.fontanedoc.i
  155. Marco Pastore Architetto – http://www.marcopastore.it
  156. B+S Architetti – http://www.bipiuesse.it/B+S/home.html
  157. Pietro Ochetto Architetto – http://www.occhetto.it
  158. Studio Point – http://www.getthepoint.it
  159. Paolo Mensa Architetto – http://www.paolomensastudioarchitettura.com/index.php
  160. Be – http://www.baseengineering.it
  161. Officina8A – http://www.officina8a.com
  162. Architetto Luciano Pia – http://www.lucianopia.it
  163. Studio Pession Associato – http://www.studio-pession.com
  164. Studio Piras – http://www.architettipiras.it/Home.htm
  165. Architetto Alfredo Balmativola – http://www.alfredobalmativola.it
  166. Cagnazzo e Durando Architetti – http://www.gcabioarchitettura.com/index.php
  167. A5 Studio Architetti Associati  – http://www.a5studio.it
  168. das Architetti – http://www.dasarchitetti.it/home
  169. Laudi Minervino Associati – http://www.laudi-minervino.com
  170. Libidarch Architetti Associati – http://www.libidarch.it/index.htm
  171. Norberto Vairano – http://www.architettovairano.it/index.php
  172. BLA architettura – http://www.blaarchitettura.it